I sindaci all’attacco di Lorenzo il Magnifico

Cosa sta succedendo in Amag? Vuoi vedere che anche il vero uomo forte del centro destra alessandrino, il presidentissimo Lorenzo Repetto, comincia a dover far i conti con un dissenso manifesto, e non più soltanto latente?

Difficile dire se davvero il trono stia traballando, ma certamente questa iniziativa di 35 sindaci che siedono nell’assemblea dei soci Amag (quindi ben più della metà) è un forte segnale di insofferenza che, attenzione, ha un carattere politicamente trasversale: non si tratta, insomma, di tutti sindaci di centro sinistra (anzi, alcuni di questi non hanno sottoscritto la richiesta), ma di un panel di “ribelli” assai più ampio.

Nel documento “Bilancio di esercizio 2010: osservazioni e richieste”, in 17 punti chiari e fitti, si dice in sostanza a Repetto: “siamo assolutamente insoddisfatti sia di determinate scelte, sia della mancata trasparenza riguardo a determinati atti: quindi o chiarisci le ambiguità e ci dai ampie garanzie che in futuro si cambia passo, oppure noi non firmiamo il bilancio 2010, e ce ne andiamo”. Le parole naturalmente non sono queste, ma la sostanza direi di sì. E nell’elenco delle richieste si segnala un deficit di documentazione e di chiarezza in merito ad una serie di temi, che vanno dalla crescita significativa dei costi per il personale, alla famosa piantumazione di rose per i nostri cimiteri, ad una serie di sponsorizzazioni e nuovi mutui, nonchè a rapporti contabili con il Comune di Alessandria.

Insomma si tratta, per l’asse Repetto-Fabbio (gustatevi con il sorriso questa loro mutazione grafica, che ho trovato navigando sul web) di una gatta da pelare di non poco conto. E’ vero che il Comune di Alessandria ha, grazie ai patti parasociali, il controllo della maggioranza di Amag, e quindi sostanzialmente solo Fabbio potrebbe “dimissionare” Repetto (ma nei prossimi giorni il sindaco di Alessandria avrà altro a cui pensare: ad esempio il consiglio di giovedì sera, decisivo sul fronte bilancio previsionale 2011). Però è evidente che c’è un sistema che, nel suo insieme, sta scricchiolando.

Attenzione: Lorenzo il Magnifico, re di acqua e gas di casa nostra, ne ha passate anche di peggiori, e potrebbe quindi cavarsela senza batter ciglio anche stavolta. Ma la situazione è tesa, e i “colpi bassi” sono all’ordine del giorno.

About these ads

Un pensiero su “I sindaci all’attacco di Lorenzo il Magnifico

  1. Pingback: AlessandriaNews, blogosfera. | i cittadini prima di tutto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...