Province: si litiga sulle briciole. Ma il futuro?

Ieri sul quotidiano La Stampa si tornava a parlare di Provincia, intesa come ente. Nello specifico, di una trattativa in corso per una (modesta a quanto pare: 89 mila euro complessivi per il 2012) riduzione del monte stipendi dei 680 dipendenti per il 2012. Tagli a quanto pare imposti da Roma, e che però secondo i sindacati andrebbero a penalizzare soprattutto chi guadagna 1.000 euro al mese, o poco più. E per nulla gli stipendi più elevati. E qui, attenzione, si parla di 56 “posizioni organizzative”, cioè non solo di dirigenti in senso stretto (una decina credo, ma chi ha dati precisi li fornisca), ma di funzionari che integrano lo stipendio base con voci relative a specifiche responsabilità e produttività (non ridete, please), e insomma alla fin fine tanto male non se la passano.

Del resto, limitatamente ai dirigenti di Palazzo Ghilini e di Palazzo Rosso, ho già avuto modo di segnalarvi in passato il rammarico di un mio amico, che ha ruolo analogo in un’amministrazione di altra provincia piemontese, e che ogni tanto mi chiede come mai lui sta “soltanto” sugli 80 mila lordi, e questi spesso assai oltre i 100 mila. Io di solito gli rispondo che secondo me è perchè sono più bravi: così, tanto per farlo arrabbiare.

In realtà siamo in attesa di capire quali sia la strategia complessiva di mister Monti sul fronte della spesa pubblica: si parlò di abolizione o accorpamento delle Province, o ancora di loro trasformazione in enti di secondo grado. Poi più nulla.

Ora a quanto pare si vola più alto: leggiamo che si sta lavorando di lima sugli sprechi della sanità (sul fronte acquisti, oltre che sul costo delle prestazioni erogate), ma anche che si prevede la vendita di asset pubblici. Quali, lo vedremo. E chi se li comprerà pure.

Ma le Province, in tutto questo turbinio di progetti che fine faranno? Attendiamo fiduciosi, e intanto facciamo la nostra fila a pagare l’Imu, in attesa di Irpef e aumento dell’Iva.

2 thoughts on “Province: si litiga sulle briciole. Ma il futuro?

  1. A quanto pare il suo amico è un dirigente dell’amministrazione provinciale, vista la cifra dello stipendio.
    Ad onor di cronaca, mi pare un po’ fuorviante citare tale stipendi come se fossero la norma nelle province, solo per additarle come fonte di spreco e prebende.
    I normali dipendenti (la maggioranza coprendo in genere l’ 85% del personale – circa un 10% sono posizioni organizzative – meno del 5% dirigenti) sono inquadrati con il contratto Enti locali che per la cronaca è suddiviso in categorie (A, B, C, D) a loro volta suddivise in livelli retributivi (da 1 a 6 a seconda delle categorie). Bene gli stipendi di costoro vanno dai 16000 euro circa ai 28000 euro LORDI (da notare che le posizioni apicali D4, D5, D6 sono poche in confronto al totale e che per un giovane sarà quasi impossibile accedervi anche a fine carriera, stante blocco delle progressioni e considerato che non esistono scatti di anzianità automatici come nella scuola, nei ministeri, nel privato – il trend degli ultimi anni è stato di 1 scatto ogni 8-10 anni, ricordando che uno scatto corrisponde in media a circa 1000 euro annui lordi in più). Le indennità delle posizioni organizzative non possono superare i 25000 euro lordi l’anno (minimo 5000 se non erro), ma visti i tempi ben pochi hanno tali cifre, mentre la media si attesta sui 7000 euro circa aggiuntivi.
    Ognuno è libero di fare le proprie considerazioni, ma i dati di base vanno presentati senza essere tendenziosi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...