Rimborsi di Palazzo Ghilini: non staremo esagerando?

Della vicenda dei rimborsi agli assessori provinciali alessandrini si sono già occupati in diversi, anche con titoloni a tutta pagina, e forse qualche inesattezza di troppo.

Magari quindi giova tornarci sopra per cercare di fare qualche riflessione pacata. Anche se la pacatezza non è, di questi tempi, certamente il sentimento popolare prevalente, a fronte di certi scenari nazionali di ruberie difficili da negare, e ad altri contesti locali di cronica mancanza di risorse e, forse, anche di carenza di vero indirizzo politico. Almeno percepito.

Ma stiamo sulla Provincia, cercando di non fare di tutt’erba un fascio: io non penso che gli amministratori locali (e spero neanche nazionali,ma sono lontani, ne ho solo una percezione mediatica: quindi alterata per definizione) siano tutti ladri. Anche se capisco pienamente che gli animi dei cittadini siano esacerbati, come sempre succede quando la coperta è corta. E quest’inverno a patire il freddo saranno davvero in tanti.

Però, appunto, non generalizziamo: un assessore mi ha spiegato che in quei rimborsi, almeno nel suo caso, sono compresi tutti gli spostamenti compiuti per conto dell’ente per incontri sul territorio, promozione, relazioni istituzionali. E io ci credo. Mi ha anche aggiunto che spesso paga di tasca propria pranzi di lavoro con ospiti, e che i costi di usura auto a suo carico arrivano a diverse migliaia di euro l’anno. E credo anche a questo. Così come è opportuno renderci conto che comunque i costi della politica incidono in maniera non così rilevante sul bilancio complessivo di Palazzo Ghilini. Anche se certo va di moda enfatizzarli.

Sono però anche convinto che:

1) nessun lavoratore beneficia di rimborsi benzina per raggiungere la sede di lavoro. Gli amministratori della Provincia sì, e se ben ricordo la questione emerse pure con Repetto sul fronte Amag: potremmo sapere se la stessa regola vige anche a Palazzo Rosso, e nelle altre partecipate pubbliche locali? E non sarebbe il caso di rivederla?

2) è sacrosanto che chi si sposta dalla sede di lavoro sul territorio lo faccia a spese dell’ente. Compreso il pagamento dei pranzi con gli ospiti (magari in pizzeria, dati i tempi). Però tutto andrebbe rendicontato con “pezze” d’appoggio, e non con semplice autodichiarazione. Per i comuni lavoratori, torno a ripetere, funziona così.

3) Non esistono, in Provincia e altrove, dirigenti preposti a gestire anche questi aspetti, “dettando” semplicemente regole chiare ai politici, che sono per loro natura pro tempore? Non so a voi, ma a me questa figura del dirigente pubblico inamovibile, strapagato e deresponsabilizzato inquieta un po’. E mi sembra un’altra anomalia su cui intervenire.

4) Non facciamo però facile qualunquismo: gli assessori provinciali, come quelli comunali o regionali, non sono tutti uguali. C’è chi corre e si “sbatte” (anche se la misurazione dei risultati è sempre piuttosto difficile, perché i percorsi sono spesso frammentati e poco lineari), e chi sta lì al caldo, “e non sa neanche più dove sia la propria sede di lavoro precedente”, se posso parafrasare il concetto espressomi, in camera caritatis, da un noto esponente politico locale.

5) Poiché non ci piace cavalcare proteste populiste, diciamo pure che la scarsa produttività di certi enti va però misurata non solo in testa, ma anche in coda. Certo, a rispondere dell’andamento di una struttura devono essere politici e dirigenti, ma se davvero si volesse (ed è lecito dubitarne) avviare una nuova stagione, forse sarebbero in tanti a dover “cambiare passo”.

6) Facciamo due scommesse, naturalmente con in palio un semplice caffè? Io sostengo che, entro fine anno, il governo Monti con un bel decreto o simili posticiperà di un anno qualsiasi procedimento di riforma legato alle Province.
Sono anche convinto che il presidente Filippi non si dimetterà, ma resterà alla guida dell’ente fino a scadenza di mandato. E questo lo scopriremo tra una decina di giorni: a meno che, leggendo queste note, non ci conceda uno “scoop” in anticipo.

3 thoughts on “Rimborsi di Palazzo Ghilini: non staremo esagerando?

  1. Sulla “diciamo-così-riforma” degli enti provinciali sono disposto a scommettere almeno una pizza (con bufala) che sarà tutt’al più un bell’intervento di cosmesi. è triste dirlo ma dentro quei carrozzoni c’è gente che non può permettersi di restare senza lavoro perchè nessun altro li prenderebbe…Taglieranno qualche poltrona e magari arriveranno a creare macroprovince, ma nella sostanza non ci saranno grandi cambiamenti (e grandi risparmi).

  2. Io ho lavorato più di 35 anni nel settore delle Tecnologie a Mirafiori in Fiat e mi sono sempre dovuto pagare il treno per andare e venire dalla sede di lavoro: cosa del resto normale visto che mi sono scelto io dove andare a lavorare e come andarci , diversamente avrei dovuto acquistare/affittare un alloggio presso Mirafiori .
    L’azienda ci metteva a disposizione un suo piccolo parco auto nel caso che avessimo dovuto spostarci per lavoro da Mirafiori ad altri stabilimenti vicini o lontani o presso fornitori .
    I viaggi di lavoro erano benestarati dal massimo responsabile del settore di appartenenza.[ N.B.: in base ai lavori previsti per l’anno successivo si elaborava già un badget di spesa per i viaggi previsti necessari e si rispettava tale budget da cui si derogava solo in caso di eventi eccezionali e disastrosi]
    Ovviamente i rimborsi erano tutti a piè di lista [mangiare con un massimale, dormire già prenotato dall’azienda, eventuali rabbocchi di benzina strada facendo, etc.etc].

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...