Il fumo, che brutta bestia!

Sono due processi diversi, e non ha senso accomunarli troppo. Eppure che i due maxi stabilimenti industriali di Spinetta Marengo (Solvay Solexis e Michelin, nelle dizioni attuali) siano entrambi sotto i riflettori della giustizia con accuse pesanti, legate essenzialmente alla salute dei lavoratori, e di tutto il territorio, è un fatto significativo.

Nessuna intenzione, naturalmente, di sostituirci ai giudici. E soprattutto la consapevolezza che verità e tribunali sono parenti assai alla lontana. E tuttavia è un significativo segno dei tempi che ci sia chi alza la testa, e prova a chiedere ad un giudice di occuparsi di una realtà tanto evidente quanto a lungo colpevolmente ignorata. L’ho già scritto in passato, mi pare, che un mio spiritoso amico dei vent’anni, che abitava da quelle parti, chiamava l’area tra i due stabilimenti “il polmone verde di Alessandria”, e quando lo diceva rimaneva impassibile, giacchè taluni probabilmente lo prendevano pure sul serio. Lo so, lo so: se lo sciagurato da grande avesse fatto politica, o il sindacalista, chissà dove sarebbe ora!

Comunque: curiosa la tesi difensiva degli imputati Michelin, che almeno secondo quanto si legge sui media dei giorni scorsi attribuirebbero la fitta morìa per cancro (e i malati gravi tutt’ora viventi) di dipendenti dello stablimento al fumo! Attivo o anche passivo, giacché pare che taluni, tapini, non abbiano neppure mai tenuto fra le labbra una sigaretta.

Senza arrivare a tanto, anche la politica e il sindacalismo alessandrino han sempre fatto la loro parte però: per altri motivi (non meno interessanti, e per fortuna meno drammatici) mi è capitato nei giorni scorsi di rileggere alcune cronache poltiche cittadine degli anni Settanta. Ebbene, da parte dei protagonisti della vita pubblica di allora (che, per inciso, sono poi più o meno gli stessi di oggi, magari in ruoli diversi) è tutto un lodarsi e autocelebrarsi per l’acume con cui seppero cogliere l’opportunità, e sviluppare in particolare il nuovo insediamento Michelin, invertendo così il processo di de-industrializzazione post Borsalino ecc ecc…..

Insomma, ai danni collaterali all’epoca non ci pensò praticamente nessuno. E, ancora oggi, in verità, in tanti preferiscono occuparsi d’altro.

 

One thought on “Il fumo, che brutta bestia!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...