La Dc è morta: e i democristiani?

Dc logoSe i gatti hanno sette vite, i democristiani ne hanno almeno il doppio. Politicamente, s’intende. Per cui da giorni rifletto, perplesso, sull’analisi di osservatori comunque attenti, secondo i quali il vero dato politico di queste elezioni, almeno dalle nostre parti, è che la Dc è stata definitivamente rottamata. E’ davvero così? Mah…certamente c’è da prendere atto che alcuni personaggi riconducibili a quell’area (Paolo Filippi, Piercarlo Fabbio, Ugo Cavallera: aggiungetene altri a vostro piacimento) escono da questa strana campagna pre-elettorale ridimensionati nelle aspirazioni personali. Nel senso che i loro partiti di riferimento hanno scelto di non candidarli, sia pur attraverso percorsi tra loro molto diversi.

La decisione comunque non è toccata agli elettori, badate bene, giacchè in questa fast post democratica del nostro Paese i cittadini sono davvero poca cosa. Parco buoi, figuranti chiamati a ratificare decisioni prese altrove, nelle segreterie di partiti sempre meno rappresentativi, e sempre più alle prese con una visione artificiale della realtà. Naturalmente non si può fare di ogni erba un fascio: c’è chi ha scelto di fare le primarie e chi ha lasciato ancora una volta ogni decisione ad un uomo solo al comando. E il percorso di ognuno dei personaggi che ho citato, ma anche di altri di estrazione ex Dc (Brusasco, Cattaneo, ecc) è diverso e non riducibile ad un unico format. Poi, si potrebbe obiettare, c’è Renato Balduzzi, ex democristiano che invece è sugli scudi, da ministro tecnico a candidato montiano di garantita elezione. Ma c’è chi ricorda che il professore alessandrino è sempre stato “marginale” rispetto al circuito Dc del territorio, e che anzi la sua ascesa avviene proprio in concomitanza con il declino di una serie di figure che lo hanno “snobbato” a lungo. Non sono così addentro alle vicende democristiane da capire se è vero o meno.

Quel che è certo, però, è che non si deve confondere l’ipotetico declino della “scuola” Dc con la scomparsa dei cattolici in politica. Che ci sono, e continueranno a pesare, anche se magari in ordine sparso: per rendersene conto basta verificare quali sono i privilegi fiscali che anche Monti, sulla scia del Berlusca, continua a garantire al Vaticano, o la cautela con cui Bersani e soci affrontano i temi legati ai diritti civili delle coppie omosessuali, o comunque “non tradizionali”. Un passo avanti, e uno e mezzo indietro. Ma poi, siamo certi che gli ex democristiani alessandrini “al palo” in questa campagna elettorale siano davvero al capolinea? A me sembra che, nella confusione regnante di questi mesi, restare alla finestra sia quasi un atto di saggezza. Anche se, naturalmente, c’è chi ha scelto autonomamente di fare un passo indietro, e chi semplicemente, caduto da cavallo, è pronto a stragiurare “beh, comunque volevo scendere”.

One thought on “La Dc è morta: e i democristiani?

  1. Buon giorno Sig. Grassano

    seguendo un pò ciò che scrivono i giornali ed i media televisivi a proposito delle elezioni, vedo che si parla di tutto meno che di un fattore fondamentale.
    Nessuno sa dare indicazioni su cosa fare per creare ricchezza .

    Lo ritengo un fattore fondamentale perchè senza creazione di ricchezza non si può pagare il debito che abbiamo (oltre 2000 miliardi di €) che prima o poi arriverà al redde rationem (la Grecia insegna: da noi forse è leggermente diversa la situazione perchè buona parte di questo debito è in mano agli stessi cittadini italiani: per cui , se necessario, basta non restituire il capitale oltre che ridurre stipendi statali e pensioni , nonchè abolire le tredicesime).

    Ogni giorno anche su Alessandrianews (quindi a livello locale) viene evidenziato il caso di una ditta che non riuscendo a vendere il proprio prodotto comincia a utilizzare la cassa integrazione e poi spera che qualcuno prima o poi gli compri il proprio prodotto.

    Un modo per tirare a campare è quello proposto da alcun politici/sindacalisti locali (ma anche nazionali) che lei e i suoi colleghi ogni tanto intervistate : prendere a chi ne ha per dare a chi ha meno o poco: non ho idea che se questo è un modo strutturale per creare ricchezza, a me sembra il contrario.

    Chissà se qualcuno prima delle elezioni ci dirà come/cosa intende fare per creare ricchezza.

    Buona giornata a lei.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...